È l'ora della spesa

Pubblicità e consumi negli Anni Cinquanta

Autori:

Mirko Ballotta e Stefano Bulgarelli

Dimensioni:

24×30, oltre 250 illustrazioni a colori

Numero di pagine:

144

Pubblicazione:

2010

Lingua:

Italiano

20,00Aggiungi al carrello

Pagamento con Paypal o con bonifico
Spedizione gratuita per ordini superiori a 40€

Gli Anni Cinquanta segnano la Rinascita dell’Italia. Lentamente le macerie materiali e morali lasciate in eredità dalla guerra, cedono il posto ad una società che guarda con grande ottimismo – e forse altrettanta ingenuità – al futuro.
I modelli della nuova Italia, vengono presi direttamente dall’America, patria dei consumi per antonomasia, e riproposti sulle pagine patinate delle riviste di costume, fondamentali per la formazione del gusto e degli orientamenti dell’opinione pubblica in questa epoca che possiamo ancora considerare pre-televisiva.

 

‘È l’ora della spesa’ non è un semplice repertorio di pagine pubblicitarie: a fianco della fedele riproposizione di alcune tra le più belle e significative pubblicità, con slogan e immagine grafica che sono specchi fedeli della loro epoca, si trova infatti un percorso storico e critico dal punto di vista sociale ed artistico il fenomeno pubblicitario nel decennio che getta i semi per la nascita dello stile di vita contemporaneo anche in Italia.
Le pubblicità sono suddivise in temi che uno dopo l’altro contribuiscono ad offrire una panoramica completa e approfondita sugli stili di vita negli anni Cinquanta. Apre il libro proprio il trittico uomo-donnabambino in cui viene evidenziato il ruolo che ciascun gruppo occupa nella società del periodo.

Ruoli che possono essere sintetizzati nell’uomo di successo (già proiettato verso quello che non deve chiedere mai…), nella donna di casa occupata e preoccupata dal bianco del proprio bucato, e nel bambino coccolato che inizia ad essere il centro dell’attenzione e di buona parte dei consumi della famiglia.

 

Il tema dell’abbigliamento chiarisce ulteriormente le differenze tra i sessi, così come quelli legati all’igiene personale e alla salute. L’invito al consumo non tralascia nemmeno prodotti che oggi sono stati quasi completamente banditi dall’immagine pubblicitaria proprio per i loro effetti negativi sulla salute, come alcool e tabacco.
Altri temi fondamentali nel percorso narrativo sono l’alimentazione, con i primi accenni ai cibi pronti e veloci; l’arredamento che immette quasi naturalmente nel capitolo degli elettrodomestici (non si può dimenticare che in questo decennio nasce il nuovo focolare domestico, la televisione) e della tecnologia che anche fuori casa è sempre più presente nella vita di tutti i giorni. Non manca una sezione importante sull’industria del tempo libero nei capitoli su sport e viaggi, temi che solo con il Dopoguerra iniziano a diffondersi come fenomeni realmente di massa.

20,00Aggiungi al carrello

Pagamento con Paypal o con bonifico
Spedizione gratuita per ordini superiori a 40€